Campioni d’Italia!

Raissa Terranova e Ruggero Ferrito si aggiudicano il Titolo nelle rispettive classi, la 50 e la 125, nel Trofeo Nazionale Testori

Campioni d’Italia!

Campioni d’Italia! Ruggero Ferrito e Raissa Terranova conquistano con una gara d’anticipo i Titoli nelle rispettive classi nel Trofeo Nazionale Testori.

Ed entrambe le vittorie hanno un “gusto” particolare perché dietro ognuna di esse vi sono dei primati: Raissa Terranova è la prima lady a conquistare un Titolo in una categoria “mista”, quindi non dedicata alle donne, mentre Ruggero Ferrito ha praticamente “debuttato” su una moto da enduro appena pochi mesi orsono, impegnandosi duramente sia mentalmente che fisicamente, e raggiungendo già da subito un risultato prestigioso.

Il Trofeo Testori, dedicato al compianto Campione Imerio, e declinato insieme al Campionato Italiano Regolarità Gruppo 5, si conferma ancora una volta terreno di caccia per i riders siciliani.

Raissa, bolognese d’adozione ma sicilianissima nel cuore (figurarsi che pur vivendo “al nord” è tesserata con un sodalizio siciliano, il Dream Team), ha dimostrato grande caparbietà e doti di controllo fuori dal comune, guidando sempre bene ed esaltandosi particolarmente in alcune gare, al punto da “stampare” tempi, lei che corre con un cinquantino, da primi dieci in Assoluta!

Ruggero, praticamente un “endurista per caso”, almeno così è stato il suo approccio alla specialità, ha iniziato ad appassionarsi prima venendo alle gare come spettatore e supporter di amici gia impegnati nell’enduro, poi ha deciso che provarci in prima persona sarebbe stato più divertente e cosiì il passo è stato fatto, e sin dalle prime gare ha dimostrato una grinta ed una determinazione fuori dal comune, per la soddisfazione del Paddock Smmart Team che lo ha accolto tra i suoi atleti.

Entrambi, Ruggero e Raissa, sono anche accomunati da un altro elemento determinante nel raggiungimento dei risultati: i loro genitori. Si dice che dietro un grande statista ci sia sempre una grande donna, nel nostro caso dietro dei grandi piloti ci sono due genitori, Pino Terranova e Corrado Ferrito, che a costo di enormi sacrifici hanno comunque sempre supportato ( e talvolta “sopportato…”) i loro ragazzi, accompagnandoli sempre nelle trasferte, sostenendoli psicologicamente nel pre-gara e anche durante, seguendoli sempre con attenzione e grinta inesauribile nelle prove speciali, assecondando ogni necessità e fronteggiando le emergenze.

Ma il successo siculo oltrestretto passa anche attraverso la grande performance di Giuseppe Vitale, portacolori del Team Fathers & Sons: pilota coriaceo, Giuseppe, sempre seguito da papà Carlo, è stato l’avversario diretto di Raissa gara dopo gara, entrambi hanno lottato sino all’ultima speciale (peccato la rottura subita ieri da Vitale  poco prima di metà gara), ed entrambi, avversari in pista ma amici fuori, sono stati trainanti l’un l’altro per  il conseguimento di un risultato di prestigio che ci consente oggi di racontare questa bella storia di Sport, dove trova a buon diritto e merito posto Enrico Terruso, un altro dei giovani siciliani che in pochi mesi ha compiuto passi da gigante, migliorando tantissimo in “tenuta” alla fatica e velocità di percorrenza delle speciali. I piloti ci sono, i genitori anche ma… possiamo forse non citare i rispettivi preparatori che hanno curato le moto dei ragazzi? Nessuna novità, amici sportivi, i nomi sono di due “veterani”: Pippo Bologna ( Ferrito) e Franco Morreale per le tre suzukine magiche condotte da Terranova, Vitale e Terruso. Una  Sicilia perfetta in ogni dettaglio.

Condividi con i tuoi amici

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.