Marquez, “l’ammazzamotomondiale” vince anche oggi in Argentina, Fenati in Moto3 porta a casa la vittoria

"Filotto" di qualità per Marc Marquez, che infila la terza vittoria di fila, dimostrandosi così anche per questa stagione il pilota da battere.Gran successo in Moto 3 dell'italiano Romano Fenati

Marquez, “l’ammazzamotomondiale” vince anche oggi in Argentina, Fenati in Moto3 porta a casa la vittoria

O forse, dal punto di vista della Dorna, il promoter organizzatore della MotoGp, sempre in cerca di “spettacolo” per aumentare gli ascolti, da “abbattere”. Perchè sembra ormai scontato, sin dalla vigilia, che se il ragazzino terribile resta in piedi allora la vittoria e sua e per gli altri restano da contendersi solo due posizioni del podio, le restanti…

Andrea Iannone -Ducati

Andrea Iannone -Ducati

Parte bene Lorenzo ma, il lettore scuserà l’evidente “campanilismo”, è Andrea Iannone che emoziona infilando una partenza a razzo, e piazzandosi al secondo posto, davanti alla prima delle Honda ufficiali, quella di Dani Pedrosa, con Valentino Rossi quarto, e Marquez quinto. Al primo giro succede di tutto, vanno fuori Bautista, Petrucci e Espargarò, le Honda ufficiali sembrano essere risucchiate dal gruppo, e la testa della gara resta solidamente nelle mani della Yamaha di Lorenzo, con un “trio” tutto italiano, Dovizioso, Iannone e Rossi a seguirlo. Sarebbe un sogno se continuasse così, ma la MotoGP lascia poco spazio all’improvvisazione, e quello che è scritto avviene con immancabile puntualità: a metà gara tutto torna come prima, con Marquez in rimonta dietro al leader temporaneo Lorenzo, Pedrosa dietro, poi Rossi, Bradl, Iannone,Smith e Dovizioso.

93marquez-gpargentina-action

Marc Marquez

Ancora qualche giro, poi Marquez passa Lorenzo e lo saluta, al pilota maiorchino tocca difendere la seconda posizione sino alla fine dagli attacchi di Daniel Pedrosa, non riuscendoci peraltro perchè oggi è proprio il giorno in cui Dani, andando in toilette poco prima della partenza, si accorge che sotto il “cosino” ci sono due cose tonde, fà una ricerchina su Google e, appurato a cosa possano servire gli “attributi” in ambito MotoGp, mette in pratica quanto imparato e si leva lo sfizio di “tirare” un sorpasso in staccata proprio ad uno,Lorenzo, che proprio tanto presto non stacca.

Dietro di loro un quarto posto per Valentino Rossi, che sembra ormai recitare il ruolo del “portatore d’acqua”, ovvero acquisire punti per il Costruttore, resta sempre il dubbio se Bradl non lo avesse portato fuori in curva dopo una entrata “aggressiva”come sarebbe finita la sua gara, anche in virtù della scelta di correre, unico del lotto di testa, con entrambe le gomme “dure”.

Valentino Rossi

Valentino Rossi

Quinto il tedesco Bradl e al sesto posto, che però vale quanto un podio, troviamo Andrea Iannone con la Ducati “non ufficiale”, mentre per quelle “ufficiali” sembra proprio che se, oltre alla deroga “open” su Factory, gli dessero una ulteriore concessione “elicottero per riprese video”, Andrea Dovizioso ( e duole scriverlo perchè il Dovi meriterebbe di meglio…) riuscirebbe comunque ad arrivare sempre dietro ai “soliti noti”.

La classifica del Motomondiale vede quindi le due Honda ufficiali di Marquez e Pedrosa in testa, seguiti da Valentino Rossi, mentre la “disgregazione” dei c.d. punti “fuori podio”, distribuiti nell’ambito delle prime tre gare ad un variegato numero di piloti, consente a Dovizioso di occupare la quarta posizione davanti al brillante Andrea Iannone, quinto.

Per i colori nazionali resta comunque valida la grande prova in Moto3 di Romano Fenati, che oggi si è preso di prepotenza la prima posizione in un round combattuto e ricco di colpi di scena. Non ultimo, quasi come se non ci scommettesse nessuno sulla vittoria dell’italiano, la “partenza” dell’inno francese al posto dell’Inno di Mameli, e l’imbarazzo di Romano che aspettava, per interminabili attimi, di ricevere la coppa e nel frattempo cercava come “fasarsi” per cantare il nostro inno sulle note francesi, nel malaugurato caso in cui… non avessero trovato il nostro ( che, evidentemente, alla luce dei risultati dei nostri “colori” negli ultimi anni, è stato messo in archivio…)

LA CLASSIFICA FINALE

Termas de Río Hondo, domenica, April 27, 2014

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 173.0 41’39.821
2 20 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 172.9 +1.837
3 16 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 172.8 +3.201
4 13 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 172.6 +4.898
5 11 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 171.9 +15.029
6 10 29 Andrea IANNONE ITA Pramac Racing Ducati 171.6 +19.447
7 9 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 171.3 +24.192
8 8 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 171.0 +29.118
9 7 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 170.7 +33.673
10 6 7 Hiroshi AOYAMA JPN Drive M7 Aspar Honda 170.0 +43.279
11 5 69 Nicky HAYDEN USA Drive M7 Aspar Honda 170.0 +43.352
12 4 68 Yonny HERNANDEZ COL Energy T.I. Pramac Racing Ducati 169.9 +44.819
13 3 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Honda 169.9 +45.178
14 2 45 Scott REDDING GBR GO&FUN Honda Gresini Honda 169.7 +48.656
15 1 41 Aleix ESPARGARO SPA NGM Forward Racing Forward Yamaha 169.4 +52.250
16 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Avintia 169.4 +53.505
17 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 169.3 +53.669
18 70 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 169.1 +56.570
19 63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing Avintia 168.7 +1’03.140
20 5 Colin EDWARDS USA NGM Forward Racing Forward Yamaha 168.5 +1’05.760
21 23 Broc PARKES AUS Paul Bird Motorsport PBM 167.8 +1’16.722
Non classificato
19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 0 Giro
9 Danilo PETRUCCI ITA IodaRacing Project ART 0 Giro

I RECORD DEL GP

Record:

Giro della pole: Marc MARQUEZ 1’37.683 177.1 Km/h
Giro veloce: Lap: 22 Dani PEDROSA 1’39.233 174.3 Km/h
Record del circuito: 2014 Dani PEDROSA 1’39.233 174.3 Km/h
Miglior giro: 2014 Marc MARQUEZ 1’37.683 177.1 Km/h

LA CLASSIFICA DEL MOTOMONDIALE DOPO TRE GP

Pos. Pilota Moto Nazione Punti
1 Marc MARQUEZ Honda SPA 75
2 Dani PEDROSA Honda SPA 56
3 Valentino ROSSI Yamaha ITA 41
4 Andrea DOVIZIOSO Ducati ITA 34
5 Andrea IANNONE Ducati ITA 25
6 Stefan BRADL Honda GER 24
7 Jorge LORENZO Yamaha SPA 22
8 Aleix ESPARGARO Forward Yamaha SPA 21
9 Bradley SMITH Yamaha GBR 20
10 Pol ESPARGARO Yamaha SPA 18
11 Nicky HAYDEN Honda USA 18
12 Hiroshi AOYAMA Honda JPN 15
13 Scott REDDING Honda GBR 11
14 Yonny HERNANDEZ Ducati COL 11
15 Cal CRUTCHLOW Ducati GBR 10
16 Karel ABRAHAM Honda CZE 8
17 Colin EDWARDS Forward Yamaha USA 7
18 Danilo PETRUCCI ART ITA 2
19 Hector BARBERA Avintia SPA 1
20 Broc PARKES PBM AUS 1

Condividi con i tuoi amici

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.