TARGA FLORIO MOTOCICLISTICA PALERMO/CEFALÙ AL TRAGUARDO

TARGA FLORIO MOTOCICLISTICA PALERMO/CEFALÙ AL TRAGUARDO

È terminata nel pomeriggio di ieri la 1^ edizione dell’era moderna della “Targa Florio Motociclistica” organizzata dal Motoclub Mediterraneo del presidente Eros Lodato.

La manifestazione è stata la gara di apertura del Campionato Italiano Gran Fondo di Regolarità Turistica della Federazione Motociclistica Italiana. I partecipanti giunti da ogni parte d’Italia sono partiti da Palermo per la tappa di trasferimento che li ha portati a Cefalù.

La seconda tappa li ha portati nell’entroterra siciliano con punti di ritrovo per le prove speciali a Roccapalumba, Palazzo Adriano e Chiusa Sclafani per poi ritornare, dopo 296 km di provinciali e statali, a Cefalù.

Terza tappa di 318 km Sabato 5 aprile lungo le curve del Circuito grande e medio della Targa Florio con le prove speciali alle Terme di Sclafani Bagni e riordini a Collesano e Scillato con un luculliano pranzo alla attraente veduta del “Vecchio Frantoio”.

Quarta e ultima tappa da Cefalù a Palermo, attraversando Ventimiglia di Sicilia con la tappa speciale odierna, e poi Ficuzza e Portella delle Ginestre.

Vincitore della Targa Florio Motociclistica 2014 classifica assoluta è Cesare Conti del Motoclub Libero Liberati di Terni su BMW 650 del 1979, secondo Giuseppe Anfuso del Motoclub Reggio Calabria Team Ducati Multistrada e terzo Lino Marino del Motoclub Spinea di Venezia su LML 200 del 1978.

La classifica a squadre è stata vinta dal Ducati Team Multistrada di Reggio Calabria che ha dominato lungo le curve e i tornanti delle Madonie con i suoi otto componenti.

Prestigiosissime le presenze con Lino Marino di Venezia che ha percorso i circa mille chilometri della Targa Florio Motociclistica a bordo di un LML 200 cc. del 1978 alla bella età di ottanta anni seguendo le orme dello zio che aveva partecipato alla Targa Florio Motociclistica nel 1931, di Daniele Alessandrini organizzatore della “20000 pieghe”, del Consigliere Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana Antonino Schisano e del giornalista RAI Pino Anfuso.

Condividi con i tuoi amici

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.