“Doppietta” di Cairoli ieri in Brasile, il siciliano porta a 30 i punti di vantaggio in classifica mondiale

Terzo appuntamento Mondiale, tocca al circuito brasiliano di Beto Carrero consacrare ancora una volta l'imbarazzante superiorità del sette volte Campione del Mondo originario di Patti, in Sicilia. In MX2 la "tabella rossa" và ad Arnaud Tonus

“Doppietta” di Cairoli ieri in Brasile, il siciliano porta a 30 i punti di vantaggio in classifica mondiale

start-mxgp-brasile2014

vanhorebeek-brasile2014A rendere le cose interessanti, come sempre, ha contribuito il clima “quasi” tropicale del Brasile: pista asciutta, sole, poi nuvole nere giunte veloci, acquazzone e poi di nuovo il sole. In queste condizioni, con il fondo che cambia in tempi rapidi, è la classe del grande campione, e la sua immensa sensibilità di guida, a prevalere e così Cairoli non ha avuto difficoltà a vincere entrambe le manches, alla “sua” maniera, entusiasmando il “caliente” pubblico presente al punto che i suoi passaggi venivano seguiti da tutti letteralmente in piedi. Dietro di lui una alternanza di posizioni nelle due gare disputate, alla fine la matematica premia il coriaceo Clement Desalle, che sale a fine giornata sul secondo gradino del podio. Terzo gradino di pertinenza di Jeremy Van Horebeek, che se non avesse concluso gara 2 in quarta posizione a causa di un paio di “scollinamenti” causati dal terreno difficile, avrebbe potuto aspirare al secondo posto finale.L’alfiere della Kawasaki Gautier Paulin, anche lui “vittima” delle difficili condizioni del terreno, ma nonostante tutto autore dell’Hole-shot in gara 1, recupera punti preziosi ai fini della classifica di campionato, rinsaldando la seconda posizione ma a trenta punti da Cairoli. Quinto, di giornata e in Campionato, il tedesco Max Nagl, su Honda.Gli altri italiani in gara, David Philippaerts ha concluso la trasferta brasiliana in undicesima posizione, mentre Davide Guarneri su Tm si è dovuto accontentare ieri solo della diciassettesima posizione, un risultato che purtroppo non rispecchia il reale valore dell’italiano.

CLASSIFICHE

MXGP Race 1 top ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 35:20.774; 2. Jeremy Van Horebeek (BEL, Yamaha), +0:15.869; 3. Clement Desalle (BEL, Suzuki), +0:20.205; 4. Maximilian Nagl (GER, Honda), +0:23.385; 5. Evgeny Bobryshev (RUS, Honda), +0:38.482; 6. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +0:40.168; 7. Todd Waters (AUS, Husqvarna), +0:40.489; 8. Joel Roelants (BEL, Honda), +0:42.346; 9. David Philippaerts (ITA, Yamaha), +0:48.790; 10. Rui Goncalves (POR, Yamaha), +0:50.241

MXGP Race 2 top ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 35:51.801; 2. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +0:05.250; 3. Clement Desalle (BEL, Suzuki), +0:08.899; 4. Jeremy Van Horebeek (BEL, Yamaha), +0:12.086; 5. Maximilian Nagl (GER, Honda), +0:17.009; 6. Kevin Strijbos (BEL, Suzuki), +0:20.798; 7. Rui Goncalves (POR, Yamaha), +0:47.380; 8. Matiss Karro (LAT, KTM), +0:50.317; 9. Steven Frossard (FRA, Kawasaki), +0:52.792; 10. Todd Waters (AUS, Husqvarna), +0:55.113

MXGP Finale top ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 50 points; 2. Clement Desalle (BEL, SUZ), 40 p.; 3. Jeremy Van Horebeek (BEL, YAM), 40 p.; 4. Gautier Paulin (FRA, KAW), 37 p.; 5. Maximilian Nagl (GER, HON), 34 p.; 6. Rui Goncalves (POR, YAM), 25 p.; 7. Todd Waters (AUS, HUS), 25 p.; 8. Kevin Strijbos (BEL, SUZ), 23 p.; 9. Joel Roelants (BEL, HON), 23 p.; 10. Steven Frossard (FRA, KAW), 19 p.

MXGP World Championship Classification Top Ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 142 points; 2. Gautier Paulin (FRA, KAW), 112 p.; 3. Jeremy Van Horebeek (BEL, YAM), 112 p.; 4. Clement Desalle (BEL, SUZ), 111 p.; 5. Maximilian Nagl (GER, HON), 110 p.; 6. Kevin Strijbos (BEL, SUZ), 73 p.; 7. Steven Frossard (FRA, KAW), 68 p.; 8. Todd Waters (AUS, HUS), 68 p.; 9. Evgeny Bobryshev (RUS, HON), 67 p.; 10. Joel Roelants (BEL, HON), 61 p.

MXGP Costruttori: 1. KTM, 142 points; 2. Suzuki, 113 p.; 3. Kawasaki, 112 p.; 4. Yamaha, 112 p.; 5. Honda, 110 p.; 6. Husqvarna, 68 p.; 7. TM, 52 p.;

Tonus-mx2-brasile2014

MX2

Giornata “storica” per lo svizzero Tonus ieri in Brasile: per lui, dopo lunga attesa, è giunta la prima vittoria in Mx2, che è peraltro il primo successo raggiunto da un pilota svizzero nella storia del mx mondiale, e con essa anche la tabella rossa di leader della Mx2. Il pilota ufficiale Kawasaki ha avuto come compagni di podio l’olandese Glenn Coldenhoff, su Suzuki, autore del miglior tempo in qualifica il sabato. L’olandese ha provato a “controllare” la gara, pensando di poter al momento giusto tirar fuori quel qualcosa in più, ma la strategia ha funzionato solo al 50%, consentendogli la vittoria parziale di gara 2. Terzo gradino del podio per il pilota inglese della Honda Max Anstie, mentre sfortunato è stato la rivelazione Kawasaki Dylan Ferrandis, autore di una gran peformance in gara 1, chiusa al secondo posto dietro Tonus, ma protagonista di una serie di vicissitudini in gara 2 che lo hanno anche portato ai box temporaneamente, ma nonostante tutto Dylan è  risucito a concludere la giornata in quarta posizione, prendendo punti importanti in “ottica “mondiale

CLASSIFICHE

MX2 Race 1 top ten: 1. Arnaud Tonus (SUI, Kawasaki), 35:30.500; 2. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), +0:13.621; 3. Romain Febvre (FRA, Husqvarna), +0:15.684; 4. Max Anstie (GBR, Yamaha), +0:16.672; 5. Glenn Coldenhoff (NED, Suzuki), +0:26.901; 6. Aleksandr Tonkov (RUS, Husqvarna), +0:29.197; 7. Valentin Guillod (SUI, KTM), +0:30.725; 8. Petar Petrov (BUL, Yamaha), +0:33.119; 9. Jose Butron (ESP, KTM), +0:35.951; 10. Jeremy Seewer (SUI, Suzuki), +0:37.658

MX2 Race 2 top ten: 1. Glenn Coldenhoff (NED, Suzuki), 36:33.018; 2. Arnaud Tonus (SUI, Kawasaki), +0:07.947; 3. Tim Gajser (SLO, Honda), +0:14.954; 4. Max Anstie (GBR, Yamaha), +0:19.783; 5. Valentin Guillod (SUI, KTM), +0:21.869; 6. Jeremy Seewer (SUI, Suzuki), +0:35.115; 7. Aleksandr Tonkov (RUS, Husqvarna), +0:40.215; 8. Alessandro Lupino (ITA, Kawasaki), +0:41.676; 9. Jose Butron (ESP, KTM), +0:42.322; 10. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), +0:44.807

MX2 FINALE  top ten: 1. Arnaud Tonus (SUI, KAW), 47 points; 2. Glenn Coldenhoff (NED, SUZ), 41 p.; 3. Max Anstie (GBR, YAM), 36 p.; 4. Dylan Ferrandis (FRA, KAW), 33 p.; 5. Tim Gajser (SLO, HON), 30 p.; 6. Valentin Guillod (SUI, KTM), 30 p.; 7. Romain Febvre (FRA, HUS), 30 p.; 8. Aleksandr Tonkov (RUS, HUS), 29 p.; 9. Jeremy Seewer (SUI, SUZ), 26 p.; 10. Jose Butron (ESP, KTM), 24 p.

MX2 World Championship Classification Top Ten: 1. Arnaud Tonus (SUI, KAW), 112 points; 2. Glenn Coldenhoff (NED, SUZ), 110 p.; 3. Dylan Ferrandis (FRA, KAW), 107 p.; 4. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 97 p.; 5. Romain Febvre (FRA, HUS), 96 p.; 6. Aleksandr Tonkov (RUS, HUS), 87 p.; 7. Max Anstie (GBR, YAM), 77 p.; 8. Jordi Tixier (FRA, KTM), 77 p.; 9. Jose Butron (ESP, KTM), 74 p.; 10. Tim Gajser (SLO, HON), 63 p

MX2 Costruttori: 1. Kawasaki, 130 points; 2. KTM, 127 p.; 3. Suzuki, 110 p.; 4. Husqvarna, 102 p.; 5. Yamaha, 94 p.; 6. Honda, 73 p.; 7. TM, 6 p.

Condividi con i tuoi amici

2 Risposte a "“Doppietta” di Cairoli ieri in Brasile, il siciliano porta a 30 i punti di vantaggio in classifica mondiale"

  1. Gabriele Ramirez  31 marzo 2014 a 12:48

    E’ già il piu’ grande di tutti, Everts a 10 titoli ci arrivo’ conquistandoli contemporaneamente in due cilindrate per uno o due anni se non ricordo male…orgoglio siciliano!!

  2. Direttore  31 marzo 2014 a 12:51

    E “Lui” a quello punta…certo che, non mi stancherò mai di dirlo, e scriverlo, quando lo vedi in gara, sembra che pratichi un altro sport…

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.