SBK: Ad Assen Sykes e Laverty si spartiscono il “bottino”

...bottino composto dalle due gare di giornata, vinte, la prima, dall'alfiere della Kawasaki,Sykes, e la seconda dal pilota Aprilia Laverty

SBK: Ad Assen Sykes e Laverty si spartiscono il “bottino”

Come sempre accade, la Superbike “Mondiale” offre spettacolo in pista, grazie ad una nutrita pattuglia di piloti di altissimo livello, quasi equivalenti, e alla tecnologia delle loro motociclette, anch’esse più o meno vicine nelle prestazioni. E così, il Torneo che più si avvicina, pur nel suo essere “extreme”, al mondo delle normali due ruote, quanto meno per la derivazione dalla serie de mezzi impegnati, riscuote un successo di pubblico di altissimo livello, grazie anche alla indovinata formula di due manche, nella stessa giornata.

GARA 1

E così capita che niente è mai deciso, o scontato, infatti in gara uno uno strepitoso Sykes, che sembra avere “sotto” la Kawasaki giusta, straccia tutti e taglia il traguardo davanti al pilota della Honda Pata Jonathan Rea, secondo e autore di un gran sorpasso ai danni dell’alfiere Aprilia Guintoli, mentre per Eugene Laverty resta “disponibile” solo il quarto posto. Quinto l’altro Kawasaki “ufficiale”, Baz, mentre Giugliano, partito bene, non è riuscito a tenere il ritmo dei primi, e si e’ dovuto accontentare del sesto posto. La Gara 1 delle Bmw invece è tutta al warm-up, con Melandri fermato definitivamente da un guasto tecnico, e Chazz Davies che, partito dall’ultima fila, a causa di una caduta sempre in warm-up, si è reso protagonista di una furibonda rimonta che lo ha portato a chiudere in settima posizione.

RISULTATI DI GARA 1

1. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 35’35.042

2. Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 35’43.828
3. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 35’43.834
4. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 35’44.267
5. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 35’49.273
6. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 35’51.192
7. Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 35’57.612
8. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 35’59.793
9. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 36’05.353
10. Carlos Checa (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 36’10.319
11. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati 1199 Panigale R 36’19.397
12. Michel Fabrizio (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 36’27.622
13. Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 36’34.778
14. Ivan Clementi (HTM Racing) BMW S1000 RR 36’37.052
15. Mark Aitchison (Team Effenbert Liberty Racing) Ducati 1098R 36’56.903
16. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 37’00.759
17. Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 37’17.752
RT. Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR
GARA 2
si parte per la seconda frazione indipendente di gara, e a conferma della imprescrutabilità della SBK, è Laverty a vincere ed a guastare la festa, negandogli la “doppietta”, a Sykes, il quale parte come sempre bene, e prende la testa della gara, ma stavolta Eugene Laverty e la sua Aprilia sono lì, e cosi, dopo una fase di studio, Laverty passa e cerca di staccare Sykes, che fà un ultimo tentativo, a fine gara ,di passare il pilota Aprilia, senza riuscirvi, e dovendosi accontentare del secondo posto di gara, ma portando a casa, in virtù dei due risultati positivi, la miglior prestazione di giornata.
Alle spalle dei due, Loris Baz su Kawasaki, a lungo insidiato da Rea su Honda ,mentre alle loro spalle concludono, rispettivamente quinto e sesto, Chazz DAvies (Bmw), e Sylvain Guintoli (Aprilia). Ottavo Marco Melandri, che è sembrato, nonostante il buon avvio, in evidenti difficoltà.
Solo nono Michel Fabrizio, mentre week end da dimenticare per Davide Giugliano, che ha perso il controllo della sua Aprilia al sesto giro, proprio mentre era in terza posizione.
LA CLASSIFICA DI GARA 2
1. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 35’36.814
2. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 35’36.903
3. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 35’42.662
4. Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 35’42.704
5. Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 35’44.173
6. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 35’44.218
7. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 35’57.909
8. Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 36’04.081
9. Michel Fabrizio (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 36’07.047
10. Carlos Checa (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 36’09.215
11. Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 36’16.738
12. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati 1199 Panigale R 36’20.718
13. Ivan Clementi (HTM Racing) BMW S1000 RR 36’36.983
14. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 36’38.667
15. Mark Aitchison (Team Effenbert Liberty Racing) Ducati 1098R 36’39.478
RT. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 24’31.112
RT. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 8’07.727
RT. Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 3’39.175
LA CLASSIFICA DEL MONDIALE SBK DOPO ASSEN:
1. Sylvain Guintoli (Aprilia) 111
2. Eugene Laverty (Aprilia) 83
3. Chaz Davies (BMW) 83
4. Tom Sykes (Kawasaki) 83
5. Jonathan Rea (Honda) 63
6. Loris Baz (Kawasaki) 58
7. Michel Fabrizio (Aprilia) 53
8. Marco Melandri (BMW) 51
9. Jules Cluzel (Suzuki) 41
10. Davide Giugliano (Aprilia) 33
11. Leon Camier (Suzuki) 30
12. Carlos Checa (Ducati) 29
13. Leon Haslam (Honda) 29
14. Max Neukirchner (Ducati) 29
15. Ayrton Badovini (Ducati) 20
16. Ivan Clementi (BMW) 14
17. Federico Sandi (Kawasaki) 8
18. Alexander Lundh (Kawasaki) 7
19. Glen Allerton (BMW) 6
20. Jamie Stauffer (Honda) 4
21. Vittorio Iannuzzo (BMW) 2
22. Mark Aitchison (Ducati) 2

Condividi con i tuoi amici

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.