Enduro Uisp a Caltagirone: “tris” del Team Leonardi

La stagione fuoristradistica Uisp prende il via da Caltagirone: il team Leonardi cala un tris vincente conquistando le prime posizioni di Assoluta grazie a Davide Cutuli, Alessandro Talamo ed Eugenio Magro.

Enduro Uisp a Caltagirone: “tris” del Team Leonardi

Come abbiamo visto, il calendario interregionale di enduro proposto dal coordinamento Uisp Motociclismo guidato da Nunzio Pizzo, sottoporrà gli specialisti ad un impegnativo giro dell’isola.Vogliamo ricordare ai lettori che le prossime tappe saranno Aidone, Catania, Nicosia, Ragusa, Caltanissetta, e quel che renderà ulteriormente avvincente il cartellone regionale del cosiddetto comparto lucido dell’enduro è il fatto che i club messi in gioco, vista la popolarità acquisita cercheranno di rappresentarlo nella sua massima espressione per avvicinare quanto più pubblico e sponsor oltre chiaramente che piloti.Intanto si è partiti da Caltagirone, in uno dei più bei paesaggi dell’entroterra etneo e da una location non

Salvatore Zago (foto Scarpitta); in apertura Davide Cutuli (foto Scarpitta).

nuova a questo genere di manifestazioni, l’agriturismo “Russa Belladonna” sede operativa al centro delle prove speciali disegnate con cura dal gruppo di lavoro del moto club Monteverde.Le abbondanti piogge dei giorni precedenti la gara, facevano pensare al sole come una meta difficilmente raggiungibile, complice anche l’abbondante “verde” delle due speciali,che aveva riacceso la speranza e così è stato.
Accompagnati da un tiepido sole i concorrenti hanno potuto sbizzarrirsi lungo le due speciali, il fettucciato di oltre cinque minuti e la linea di tre e mezzo che si snodavano su di un percorso misto tra prati e boschi a perdita d’occhio.
Davide Cutuli vincitore assoluto, in forze per questo 2013 al Team Leonardi, riapre il campionato della lega Uisp cosi per come lo aveva chiuso.A seguirlo sia nella sua categoria la “E2” che nella generale distanziati solo di qualche secondo sono Alessandro Talamo e Eugenio Magro.Michelangelo Cicero “E1”, al termine dei quattro giri in programma, risce ad avere ragione su Gaetano Di Pace e Carlo Aiello.

Ben rappresentate le classi “2S” e “3S”, vedono primeggiare nella prima Giorgio Riccobono, mentre la seconda è stata appannaggio di Alessandro Fornarotto.Assai numerosi i piloti delle classi “P”, dimostrano di migliorare le proprie prestazioni alla fine di ogni speciale.Al termine ad avere ragione con il cronometro sono Marco Carbone “5P”, Salvatore Zago “6P”, Giuseppe Spadaro “7P” e Gianluca Smerlo “8P”.L’evidenza del risultato nella classe “Super Veteran” è motivo di distinzione per Pietro Nieli, portacolori del moto club Siracusa, cosi come per Vincenzo Maltese nella minore “V1” e Sebastiano Zocco “V2”.Un gran numero di partecipanti affollano la “giornaliera” oltre trenta, ma il riconoscimento maggiore va a Guglielmo Pioggia del moto club Scicli di Giovanni Musumeci.Tra i piccoli con le ruote basse Francesco Cagnina riesce ad ottenere il miglior tempo nella “10P” e Michele Ventura tra gli “11P”.Infine le squadre dove il Team Leonardi supera il Ragusa Off Road.

 

Michelangelo Cicero (foto Scarpitta)

LE CLASSIFICHE DI GARA
[iframe width="100%" height="780" src="http://docs.google.com/viewer?url=www.lasiciliainmoto.com/classifiche//2013/UISP_enduro_1_2013.pdf&embedded=true"]

Condividi con i tuoi amici

2 Risposte a "Enduro Uisp a Caltagirone: “tris” del Team Leonardi"

  1. Michele Riccobono  5 febbraio 2013 a 12:54

    Volevo far presente al Sig. Scarpitta che Caltagirone non si trova nel comprensorio etneo bensi’ seppur in provincia di Catania, da tutt’altra parte. Vedi cartina geografica della Sicilia.
    Ma lui c’era alla gara? oppure è andato a vedere una gara di sci sull’etna credendo che fosse una gara di enduro?

  2. Direttore  5 febbraio 2013 a 20:55

    Ci scusiamo per l’errore, l’espressione utilizzata nel servizio più che a “inserire” una località all’interno di un ben definito comprensorio, come quello etneo, serviva per una rapida identificazione della location nella provincia di Catania, ad uso dei tanti lettori oltrestretto. Apprezziamo molto la sua ironia sulle gare di sci, e siamo certi che il “nostro” Vito Scarpitta, cui abbiamo affidato il gravoso incarico di seguire per il nostro giornale tutte le competizioni facendo affidamento sulla sua proverbiale presenza e professionalità, magari piuttosto che seguire i “regionali”, gradirebbe passare la domenica a sciare, come magari fanno altri colleghi che dedicano la domenica ai propri hobbies e poi magari scrivono di gare… Noi no, ci piace “infangarci” con voi ” any given sunday”… Cordialmente

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.