MX1 SVEZIA: CAIROLI,NEL GIORNO PEGGIORE LA GARA MIGLIORE

MX1 SVEZIA: CAIROLI,NEL GIORNO PEGGIORE LA GARA MIGLIORE

 

Toni Cairoli ( courtesy photo cover e inside by Ron Archer)

Uddenvalla (Svezia) – la vigila del sabato sembrava annunciare un Cairoli “in scioltezza”, grazie alla pole conquistata, e alla disastrosa caduta del suo diretto rivale e leader di campionato, Clement Desalle, che riportava danni alla spalla ma che comunque annunciava lo stesso di volere prendere il via per la gara.

 

Toni parte bene in gara 1, è tutto all’interno, ma quasi come fosse inesperto, và troppo a bordo pista, perde l’anteriore che si ammorsa nel terreno traditore svedese, cade, un paio gli passano di sopra, comunque tutti transitano, e lui ancora a rialzare la moto, raddrizzare leve e manubrio, toccarsi il braccio. Ecco, si annuncia la peggiore giornata, un vero incubo per il pluricampione di Patti, ma Tonino è unico, e probabilmente è l’unico che si possa cominciare ad affiancare al mito del cross, Stefan Everts, un pilota che ha vinto più titoli di Valentino Rossi ma che non gode della stessa popolarità mediatica.

35esimo, avete idea di cosa significhi in una classe “regina” dove almeno i primi dieci vanno veramente forte? Cairoli tira fuori quelle sue energie che sembra averne a non finire, e inizia una rimonta poderosa, giro dopo giro, al punto da chiudere gara 1 quinto, ma, fattore importante, davanti a Desalle, quindi assegnatario di “tabella rossa”.  Ma la giornata è ancora lunga è c’è ancora la seconda manche… Che parte puntuale, e stavolta Toni non commette errori, lascia che Frossard prenda la testa, e da grande campione quale è, “governa” la corsa, controlla i distacchi, e conclude secondo, và a podio di giornata, sul terzo gradino dietro Frossard e il russo Bobryshev, ma, risultato più importante, porta a casa del Team Ktm Tekra Red Bull De Carli la tanto agognata tabella rossa, privilegio del leader di un Campionato che ha ancora tanto da dire, il cui livello è elevatissimo, con un vantaggio su Clement Desalle di dieci punti.

Una giornata apparentemente “storta”, non di quelle cui ormai siamo abituati in cui il piccolo atleta siciliano vince o stravince, ma un risultato globale eccezionale, con il tanto agognato e cercato sorpasso in “generale”, ed una prima manche da antologia, per la classe e la determinazione dimostrata. Questo è emblema e orgoglio della Sicilia sportiva.

Tony Cairoli:” Sono caduto subito alla seconda curva e da lì la gara si è fatta difficile. Una volta ripartito ho iniziato a tirare per recuperare posizioni e alla fine sono riuscito a finire quinto, ma che fatica. Sorpassare tanti piloti è stata dura e infatti alla fine non avevo più energie. Ho dato tutto per concludere il più avanti possibile e il quinto posto, per come si erano messe le cose è buono.

Nella seconda manche sono partito terzo e ci ho messo un po’ a superare Goncalves. Una volta secondo, ho amministrato perché Frossard aveva preso margine e da parte mia non avevo la forza necessaria per andarlo a riprendere dopo avere dato tutto nella prima manche. Ho badato a non fare errori e conquistare punti preziosi per il campionato.

L’importante era conquistare la tabella rossa e soprattutto continuare a progredire sul piano della forma fisica. Quindi nel complesso è andata benino e ora mi preparo per il Gp di Germania che si correrà domenica prossima.”

GP SVEZIA:

1.Manche: 1.Frossard (Yamaha) in 40’31″727 ;2. Bobrishev (Honda) a 3″8 ;3. Boog (Kawasaki) a 19″5 ; 4 De Dyker (Honda) a 22″9; 5. Cairoli (KTM) a 26”5

2.Manche: 1.Frossard (Yamaha) in 38’56″3; 2. Cairoli (KTM) a 9″9; 3.Philippaerts (Yamaha) a 15″4; 4. Bobryshev (Honda) a 21″1; 5.Ramon (Suzuki) a 23″1

Classifica GP:1.Frossard 50;2.Bobryshev 40; 3. Cairoli 38; 4.De Dycker 33; 5. Ramon 31

In campionato: 1.Cairoli 322 ;2.Desalle 312; 3. Frossard 300; 4. Nagl 250; 5. Bobryshev 244

 

Condividi con i tuoi amici

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.