1’00″728,NUOVO RECORD DELLA PISTA A RACALMUTO:LA STORIA DEI 2 RE.

1’00″728,NUOVO RECORD DELLA PISTA A RACALMUTO:LA STORIA DEI 2 RE.

Leggenda narra che non esiste regno che possa avere 2 Re, ma noi, come al solito, amiamo sovvertire l’ordine delle cose, e ci piace raccontarvelo, cosicchè voi lettori possiate condividere con noi il nostro modo di vedere i fatti.

25 giugno, Racalmuto: sono in pista le Open per le prove ufficiali, Alfy Tricomi è in pista, i cronometri si bloccano per lui su 1’00″728! E’ un tempo straordinario, nascono ovviamente dubbi e riserve, ma il tempone viene omologato dai cronometristi e dalle figure federali e i dubbi fugati in fretta. E’ il nuovo record, e il primato viene levato a colui che lo stabilì nel 2008: Nino Mancuso.

Erano altri tempi, tecnologia differenti,potenze differenti, gomme differenti il nostro è un mondo che corre veloce, e l’evoluzione con lei.

Mancuso aveva “stampato” allora un 1’02″ e cocci, un tempo irraggiungibile sino ad oggi.

Sino ad oggi.

Due piloti, due campioni, entrambi figli d’arte. Tricomi è collaudatore Pirelli, Mancuso gestisce una officina moto ed oggi “gioca” con le storiche.

Due figli d’arte, la passione per le due ruote e per le gare nasce nei loro genitori prima che in loro.

Due dei migliori talenti che la nostra Isola ha partorito negli ultimi dieci anni, due centauri puri nel vero senso della parola. Di quelli che, non molto tempo fà, rendevano indimenticabili le domeniche di gare a Racalmuto, sfidandosi, uno contro l’altro, ma sempre vicini, roba di decimi di secondo tra l’uno e l’altro. E di duelli come quelli che infiammavano pubblico e appassionati, quelli di Nino ed Alfy, difficilmente ne vedremo ancora.

Perchè il talento non si inventa, e il “cuore” neanche. E i due sono ben forniti di entrambe le cose. E non son cose che compri al supermercato.

Oggi la corona si sdoppia, il tempo accreditato ad  Alfy Tricomi così certifica, ma chi Re lo è stato per tanto tempo, e nel proprio retaggio tiene ancora dei record siciliani, Pergusa fra tutti, resta comunque Re.

E non si illudano gli altri, già il tempo di Mancuso è per tutti inarrivabile, figurarsi quello di Tricomi.

Due piloti, due campioni, due uomini dai caratteri diversi, ma uniti comunque dal quel principio unico e imprescindibile cui i due sottostanno: andare forte, al limite, sempre e comunque.

Sono o non sono due Re?

Per noi si, perchè quando passato e presente vivono nella continuità, come è adesso, chi ha contribuito a scrivere i due capitoli è comunque Re.

E non per una notte.

Ma per sempre.

Condividi con i tuoi amici

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.