REGOLARITA’ GR. 5: ATTO FINALE A SAN SEVERINO MARCHE

REGOLARITA’ GR. 5: ATTO FINALE A SAN SEVERINO MARCHE

Esperimento riuscito? si, no, forse! Tutto cambia perche tutto resti uguale…Prove di cross, classifiche a squadre, ricorsi, fax federali … il giochino ansima però bum bum ricominciamo da dove c’eravamo lasciati.

Montefiorino, prima gara 2010 di Regolarità Gr 5 e Testori: Bum Bum Talamo e Di Pace primi nella 125 e nella 50.

San Severino Marche ultima gara BUM BUM Alessandro Talamo con un secondo, causa un galeotto anticipo al C.O. il sabato si aggiudica il Trofeo Testori, e la domenica si aggiudica “il mundialito”con una facilità disarmante, in questa anomala finalissima di questo campionato che ha lasciato a più d’uno un certo senso di amaro in bocca.

La Federazione prova a cambiare e a ridare fiato al campionato ma il tentativo si dimostra forse troppo ardito e dunque una ulteriore fonte di polemiche, lamentazioni e arrabbiature varie. Molti piloti il secondo giorno non partono, alcuni polemicamente vanno via alla fine della prima giornata, qualcuno addirittura visto il percorso se ne torna a casa il venerdì.

Che coosa è successo?

Il primo giorno le due prove in linea vengono sostituite da due prove all’interno del crossodromo, con doppi, woops e discesoni infernali; il secondo giorno di gara prevede un trasferimento e una speciale con partenza in linea nel crossodromo internazionale di San Severino Marche.

Chiara dimostrazione della volontà della FMI di rinnovare, solo che  la cosa viene fatta come sempre sulla testa, ma direi anche sulle ossa dei piloti, infatti qualcuno si fa male già al sabato. Alla fine però, forse per l’adrenalina, facce contente e, tra i coraggiosi che hanno preso il via, quasi tutti soddisfatti; anche perchè il trasferimento, in entrambe le giornate si svolge tutto all’interno dei boschi marchigiani, ha il giusto grado di difficoltà, tempi non troppo larghi e risulta complessivamente bellissimo.

Nel crossodromo, a mio avviso le vecchiette, soprattutto dei gruppi A B C soffrono parecchio sui panettoni e sulle discese, con preoccupanti rumori di ferraglia all’atterraggio dei salti e qualche ritiro di troppo per guasti meccanici.

Direi che chi ha messo casco e stivali la domenica è stato premiato da una bella esperienza e una dose rinforzata di adrenalina ma che la Federazione e gli organizzatori prima di ripetere l’esperimento dovrebbero fare alcune, opportune, valutazioni.

Torno a sottolineare che, a mio avviso, la regina delle prove della regolarità è la linea e che non può essere sostituita da una prova di cross, così come una due giorni dovrebbe essere una gara che dura due giorni, con un’unica classifica e non un’occasione per fare due gare diverse in uno stesso week end. L’innovazione potrebbe essere, in perfetto stile six days la conclusione, nel crossodromo, con partenza in linea di una gara di due giorni di tipo tradizionale.

Oltre a Alessandro Talamo Vincitore del Trofeo Testori, Giuseppe Di Pace abitué del podio con un secondo e un primo e il sottoscritto che, approfittando delle tante assenze e di qualche defezione dell’ultimo momento è riuscito a salire sul podio due volte con un terzo posto il sabato ed un secondo la domenica.

Al traguardo bene comunque la pattuglia dei “soliti noti” di Regolarità 70, Costantino, Orestano in testa, e giunto secondo di categoria,  mentre papà Talamo si è dimostrato più attento alle sorti di Alessandro che non alla sua gara e ancora più distratto Silvio Silvestri che ha accumulato un ritardo non recuperabile a causa di una serie di smarrimenti sul percorso per altro ben segnato. Finalmente ha visto, dopo tante peripezie, il traguardo la Fantic Motor di Giuseppe D’Arpa, così come il sempre positivo Umberto Magliocco entrambi del Moto Club Conca d’Oro, entrambi non partiti per la prova di Domenica. Un plauso a al Sicilia Racing che ci ha messo a disposizione per la trasferta il proprio mezzo, e a Daniele Castrorao che ha curato la parte logistica della trasferta.

Anche quest’anno, alla fine, il gruppo dei sudisti ha riportato, a casa oltre ad un certo numero di coppe e di punti una buona dose di attestazioni di stima e di simpatia; adesso inizia un lungo inverno di iniezioni di “gerovital” alle vecchiette in attesa delle nuove regole e del calendario ventiundici!

 

 

 

Condividi con i tuoi amici

Scrivi una replica

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà reso pubblico.